Cancro al colon: svelato il perché gli insaccati influiscono – stai attento

Il cancro al colon può essere influenzato dagli insaccati. Perché? La risposta della scienza potrebbe sorprenderti.

cancro colon insaccati perché
(congerdesign – Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Il cancro al colon può essere influenzato dagli insaccati nella tua dieta. A dirlo è una ricerca condotta in Francia e che è stata utilizzata dall’Agenzia francese per la sicurezza alimentare per lanciare l’allarme tra i cittadini. Prima di tutto, è importante dire che se mangi un panino al prosciutto una volta alla settimana non avrai particolari problemi di salute. È anche vero che l’abuso ha tantissime conseguenze negative per l’organismo. Infatti, il problema non è solo la carne di maiale, che è la base per questi alimenti, ma anche altri ingredienti che vengono utilizzati per la preparazione di questi prodotti. Ecco quali sono.

Il cancro al colon dipende dagli insaccati? Il mistero è presto svelato dalla scienza. Ecco cosa dice

cancro colon insaccati influenza
(congerdesign – Pixabay)

Cancro al colon insaccati hanno un’origine comune. Si tratta di ingredienti come nitriti nitrati – hanno il nome simile, ma sono diversi – che vengono utilizzati nella preparazione dei salumi in genere. Infatti, l’Agenzia francese spiega che assumere gli alimenti con questi elementi o la carne rossa 1 o 2 volte alla settimana non è un problema. Se si mangia più spesso, però, il problema per la salute c’è, eccome! Il governo locale ha così deciso di inserire delle normative che portano le industrie a ridurre l’uso di questi ingredienti nella preparazione. Purtroppo, però, non se ne può fare a meno del tutto. Quindi, è anche il consumatore che deve ridurre le dosi.

Oltre a questi due ingredienti, nel mirino del Governo francese ci sono anche conservantigrassi additivi. Perché non se ne può davvero fare a meno? Perché se non ci fossero questi elementi, gli insaccati sarebbero meno sicuri. Infatti, si creerebbe l’ambiente ideale per salmonella, botulino e altri pericolosi batteri. Una soluzione potrebbe essere quella di inserire una scadenza più vicina.

In questo modo, gli insaccati si potrebbero vendere per meno tempo, ma non avrebbero bisogno di nitriti e nitrati. In più, non ci sarebbe il rischio di patologie così gravi. Purtroppo, questi ingredienti a lungo andare influenzano l’attività del colon. Questo aumenterebbe la predisposizione al cancro secondo lo studio francese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.