Stanchezza post-Covid, l’unico rimedio è nel cibo: cosa mangiare per superarla

La stanchezza post Covid, risulta essere meno frequente con l’avvento di Omicron. Tuttavia, chi ne soffre può combatterla col cibo. Scopriamo cosa mangiare per superarla.

long covid
(Freepik)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Oramai la pandemia ha scombussolato completamente le nostre vite. Il Covid sembra non volerci lasciare con le sue numerose mutazioni. Tuttavia possiamo tirare un respiro di sollievo per l’ultimissima ondata che ormai ha visto il suo picco nella metà di luglio, e sembra darci pace per questo mese di agosto.

La battaglia, purtroppo, ancora non è terminata ma siamo sulla buona strada per rendere il Covid una malattia endemica. Rispetto all’inizio, di fatti, i sintomi più gravi, dati dalla mutazione Delta, che hanno provocato le reazioni più gravi della malattia, ora, con Omicron non ci sono più e sembra essere banalmente paragonabile ad un influenza stagionale risolvibile con antipiretici e medicinali no fans. Non sono più coinvolti i polmoni, ma soltanto le vie respiratorie alte, cioè naso e gola.

I sintomi sono più blandi e ciò significa che il virus sta finalmente diventando endemico, ma bisogna sempre prestare attenzione alle persone fragili che non possono vaccinarsi e rischiano gravi conseguenze. Il post Covid, durante il 2021 è stato molti più frequente e ha colpito non solo le persone fragili o gli anziani, ma anche i bambini. Secondo un recente studio, tuttavia, grazie alla mutazione Omicron che ormai ha preso il sopravvento la stanchezza post Covid è molto meno accentuata e può essere combattuta tramite l’alimentazione.

Scopriamo cosa mangiare per alleviare la stanchezza post Covid.

Post-Covid: la stanchezza cronica combattuta col cibo

long covid
(Freepik)

Molte persone dopo aver contratto la malattia Covid, per mesi hanno avuto come conseguenza alcuni sintomi che coinvolgono diverse funzioni del corpo. Quella più frequente è la stanchezza cronica che colpisce le persone e sembra durare moltissimi mesi.

Al Gemelli di Roma, è stato istituito il Pac, ovvero il pronto soccorso per coloro che sono affetti da sintomi post Covid. Con l’utilizzo di una sola impegnativa è possibile accedere ad una serie di esami fra cui: degli esami per verificare la funzionalità delle vie respiratorie, un test del cammino e alcune visite specialistiche. L’azione da parte dei medici è quello di scovare il motivo di questi sintomi post Covid. A seconda della diagnosi è possibile procedere con la terapia adatta.

In questo campo ogni sintomo è nuovo e viene analizzato e diagnosticato man mano che le scoperte sul post Covid andranno avanti. Il trattamento che sta riscuotendo il maggior successo, in termini di terapia per il post Covid, è il bilanciamento dell’alimentazione che varia, diversamente, per ogni paziente. Questa terapia sta portando a grandi progressi per molti pazienti e fa ben sperare nella totale ripresa.

Non sappiamo il motivo principale del perché il post Covid si manifesti. Ciò è correlato alla violenza con cui la malattia aggredisce l’organismo e i meccanismi del corpo per difendersi. Tutto ruota intorno al livello di infiammazione che sovrasta l’organismo durante la malattia.

In conclusione, il consiglio migliore è rivolgersi ad un centro specialistico post Covid, in modo da affrontare al meglio i sintomi e ricevere tutte le cure e l’assistenza che il paziente necessita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.