Cosa c’è dopo la morte: parla chi ha vissuto esperienze pre-morte

Cosa c’è dopo la morte? Questa domanda interroga l’umanità da sempre. Si tratta di un quesito senza risposta scientifica, ma che trovare ipotetiche supposizioni in chi ha vissuto esperienze pre-morte.

Cosa c'è dopo la morte
Cosa c’è dopo la morte (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Paura e vuoto. Pensare alla morte può portare a sensazioni molto negative: il nostro io terreno teme più di ogni altra cosa la fine della vita su questo piano.

Soprattutto in Occidente, il legame con il corpo è un qualcosa di indistruttibile, non contemplabile. Sciogliere questo legame crea un dolore indescrivibile. Se le filosofie olistiche vedono il decesso come un passaggio – si pensi alle teorie sulla reincarnazione – molti solo a sentire la parola morte hanno i brividi.

Scoprire cosa c’è dopo la morte rappresenta un interrogativo che accompagna da sempre l’umanità. Un quesito che non ha mai trovato una risposta certa, ma su cui gli scienziati sono al lavoro da secoli.

Negli ultimi tempi è stato scoperto come dopo la morte cardiaca avviene quella celebrale e pertanto questo farebbe sì che nonostante il corpo si sia spento, si continuerebbe a pensare per ancora un breve lasso di tempo.

Cosa c’è dopo la morte: le rivelazioni di un recente studio in America

morte segnali corpo
Una candela funeraria (Canva)

In merito alle esperienze pre morte è stato condotto uno studio da parte dei ricercatori della NYU Grossman School of Medice degli Usa.

La ricerca è stata condotta su 587 persone decedute in ospedale e che hanno avuto interventi di rianimazione. Dopo l’arresto cardiaco 1 paziente su 5 è riuscito a sopravvivere e tra questi solo28 hanno risposto in modo affermativo su eventuali ricordi su quanto successo durante la fase di rianimazione.

Molti hanno raccontato come abbiano visto i medici intenti a salvarli. Altri hanno vissuto vere e proprie esperienze lucide vedendosi distaccati dal corpo e ripercorrendo gli eventi della loro vita, positivi e negativi, senza nessuna sensazione di disagi. Diversi hanno riflettuto sul loro impatto sugli altri e alcuni si sono sentiti come se dovessero tornare in un luogo familiare.

Nonostante queste scoperte la domanda su cosa ci sia dopo la morte rimane comunque un mistero irrisolto con cui l’umanità continua a fare i conti. Resta il dubbio amletico se davvero ci sia un qualcosa aldilà di questa dimensione fisica e se esista un luogo dove l’anima va per poi tornare sulla terra in un altro corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *