Gastrite e reflusso, massima attenzione a colazione: gli alimenti da non assumere mai

Gastrite e reflusso sono disturbi che possono compromettere la salute quotidiana, il primo metodo per agire in modo efficace è la colazione: gli alimenti che andrebbero categoricamente evitati

Gastrite reflusso colazione
Gastrite (Pexels)

Gli articoli più letti di oggi:

La gastrite e il reflusso gastroesofageo sono disturbi impattanti sulla quotidianità, in alcuni casi molto presenti nei soggetti particolarmente portati a soffrirne. Gastroprotettori e rimedi fai da te spesso sono insufficienti per contenere gli effetti spiacevoli provocati da questi fastidi, che finiscono per intaccare le attività quotidiana, dalla giornata lavorativa alla cena fuori casa. Affidarsi ad un farmaco che contrasti i sintomi del disturbo può essere utile ma non preventivo, di conseguenza insufficiente per gestire il problema.

Il primo metodo è quindi preoccuparsi di adottare un’alimentazione consigliata, che non provochi l’inasprimento di tale condizione, con risultati inevitabili sulla propria salute. Proprio per l’importanza rivestita dal regime alimentare, è il primo pasto della giornata a determinare in maggior e misura lo sviluppo del disturbo nell’arco della giornata. Alcuni alimenti e bevande andrebbero infatti evitati categoricamente a colazione per non incorrere nella sintomatologia.

Gastrite, reflusso e colazione: gli alimenti “vietati”

Gastrite reflusso colazione
Colazione (Pexels)

Il metodo più efficace per intervenire in modalità preventiva sui disturbi causati da reflusso e gastrite è l’alimentazione, fondamentale nella cura della sintomatologia. Alcuni alimenti sono infatti ampiamente sconsigliati per queste problematiche, ma mentre alcuni risultano particolarmente conosciuti, altri sono invece meno noti. Soprattutto a colazione, il primo pasto della giornata che potrebbe determinare lo stato di salute per il resto del tempo, è importante selezionare solo cibi e bevande compatibili con la prevenzione di gastrite e reflusso gastroesofageo. In primo luogo sarebbero da evitare bevande calde come caffè e tè nero, che procurano bruciore di stomaco.

Preferibile il tè verde o bianco, molto più delicato, tisane o infusi, ma soprattutto è importante evitare il latte e anche lo yogurt. Questi ultimi alimenti sono facilmente sostituibili con le variabili vegetali, le quali non presentano controindicazioni. Le merendine preconfezionate sono particolarmente impattanti, così come prodotti raffinati, oppure alimenti eccessivamente salati e dolci, che possono provocare fastidi allo stomaco. Preferibili farine integrali con cui poter preparare alimenti leggeri e delicati, arricchiti da confettura rigorosamente biologica e senza zuccheri aggiunti di frutta, come quella di pere o di albicocche, mentre risultano sconsigliate quelle di agrumi. Anche pane e fette biscottate possono essere assunti, ancor meglio in formula integrale, ma anche riso soffiato, cornflakes e avena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *