Natale a lume di candela: in una città italiana l’addio alle luminarie per risparmiare

Luminarie addio per risparmiare. In una città italiana il Natale si fa a lume di candela, dicendo addio ai costi dettati dalle tipiche luci che decorano di solito le strade.

Natale a lume di candela
Natale (Canva)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

In un periodo storico in cui non si sente altro che parlare di rincari e risparmi, i consumi sono monitorati con costanza.

Tra chi mette in campo tutte le strategie per evitare di consumare troppo a casa, spegnendo luci e riscaldamento, e usando il meno possibile gli elettrodomestici, c’è chi sta già pesando con preoccupazione al Natale.

Dai regali agli addobbi, il prossimo mese potrebbe vedere le spese schizzare. Questo non colpisce solo i singoli individui, ma anche le amministrazione comunali allarmate di come le luminarie natalizie potrebbero far schizzare le spese di bilancio.

Ma una città senza addobbi non farebbe di certo passare un Natale sereno, facendo sentire il peso di questo momento storico. Per risolvere la situazione c’è chi si mette in campo con idee e soluzione: in una nota cittadina italiana si è presa una decisione in questo senso affidandosi alle candele invece che alle luminarie.

Natale a lume di candela: ecco dove

candele di Natale quali scegliere fragranze
Candele di Natale, quali scegliere (foto Pexels)

Se in passato le luminare hanno accompagnato il periodo più atteso dell’anno in molte città le cose potrebbero cambiare. In Italia emblematico il caso di Polignano a Mare dove si è deciso di non accedere le classiche luci della città, puntando su un Natale a lume di candela.

In provincia di Bari, Polignano conta ben  17.612 abitanti: composta da un nucleo antico, la sua economia si basa sul turismo e sull’orticoltura.

Il prossimo mese le stradine del borgo della città pugliese saranno illuminate da candele e fiaccole, dando vita a un’atmosfera intima e calda nel segno del Natale, senza accende le luminarie.

Ad animare la città anche lo spettacolo “C’era una volta Natale”, articolato in 11 serata gratuite in cui andrà in scena un presepio vivente nonché esibizioni musicali e di danza organizzate dal Teatro pubblico pugliese. Per le piazze dalla suggestiva città di mare ci saranno esibizioni al pianoforte e saranno messi in scena balletti.

La scelta del Comune di fare un Natale senza luminarie è volta a sensibilizzare i cittadini sull’importanza del risparmio energetico. Inoltre si vuole veicolare un messaggio improntato sulla sostenibilità dicendo addio agli sprechi. Si punta sull’uso di materiali antichi, per ritrovare e dare voce alle tradizioni locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *