Profumo, MAI in bagno: deve essere messo in frigo – il motivo sconvolgente


Siete abituati a tenere il vostro profumo preferito sulla mensola del bagno? Ebbene, potrebbe essere un grosso errore. L’eau de toilette va messo in frigo!

profumo frigo
Un profumo (Canva)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Tutte noi abbiamo almeno un profumo che ci contraddistingue. A volte lo abbiamo “scoperto” da anni, e ce ne siamo affezionate, rendendolo la nostra “scia”inconfondibile. Altre volte, invece, ci piace sperimentare e provare sempre nuove essenze.

Ce ne sono migliaia in commercio, da quelli prodotti da notissime case di moda, per arrivare a quelli cosiddetti di “nicchia“, che possono costare anche svariate centinaia di Euro.

Fruttati, muschiati, agrumati…Ne esiste uno per ogni occasione speciale. In circolazione, poi, possiamo trovarli in diversi formati, a partire dai campioncini o i “mignon”, per arrivare alle confezioni più grandi, da 200 ml.

Il segreto per far durare a lungo e mantenere i suoi effluvi nel modo migliore è conservare queste preziose boccettine nel modo corretto, evitando di rovinare il loro mix “magico” di alcool ed essenze. Ma come fare? La risposta vi stupirà.

Vuoi mantenere il tuo profumo preferito al meglio? Devi fare così

Ebbene, benchè il nome stesso, eau de toilette, richiami il nostro bagno, proprio il posto dove di solito appoggiamo le boccette tanto amate, in realtà questo non sarebbe il luogo adatto dove tenerle. Il bagno è infatti uno dei luoghi dove, a causa di doccia o bagno, la tempertura dell’ambiente cambia più spesso. Invece il profumo ha bisogno di “stabilità”, parlando di temperature, poichè corre il rischio di degradarsi e rovinarsi irrimediabilmente.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Matt Keen (@questioningscents)

La soluzione ideale, seppur pare incredibile, è quello di mettere i nostri flaconcini preferiti nel frigorifero, per poter così tenerlo alla temperatura migliore. Del resto, anche Marilyn Monroe teneva la sua biancheria intima preferita al fresco, quindi perchè non seguire il suo esempio e fare lo stesso con i nostri profumi?

Oltre a mantenerli in “ottima salute”, durante l’estate sarà anche piacevole spruzzarci del prodotto fresco addosso, unendo l’utile al dilettevole, e profumandoci e nello stesso tempo rinfrescarci dalle temperature torride, come quelle che ci hanno tanto segnato fino a pochi giorni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.