Le frasi tipiche di un provocatore e come rispondere nel modo corretto per vivere tranquille

A chi non è capitato di avere a che fare con un individuo provocatore, che con le sue frasi ci ha fatto del male? Ecco come rispondere a tono.

frasi provocatrici come rispondere
Amici che litigano (Canva)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

A tutte noi sarà capitata almeno una volta nella vita di avere a che fare con individui provocatori, non solo il partner, ma anche amiche o colleghi di lavoro, che con semplici frasi sono riusciti a ferirci o frci sentire in difetto. La reazione più immediata è quella di rispondere per le rime, ma spesso può essere controproducente, in particolare se non vogliamo magari rompere i ponti con l’altro.

Esistono però delle repliche che possono bloccare sul nascere le discussioni o smorzare gli animi, e a spiegarcelo è proprio una psicologa, che insegna come rispondere a questi provocatori nati. Munitevi quindi di carta e penna o buona memoria e segnatevi i suoi preziosi suggerimenti.

1 – “Tu sei sempre quello che ha dimenticato/ha sbagliato/ non è in grado…“. Una frase che colpisce e fa male per chi la riceve, facendola sentire in colpa o sminuita. Di solito viene portato ad esempio un fatto del passato, magari successo anche anni prima. In questo caso meglio non esagerare con le argomentazioni, preferendo dare risposte secche e concise. “Probabilmente non hai altre argomentazioni se devi riprendere quell’episodio passato. Non ha senso offendersi in questo modo, quando ne hai fatte parecchie anche tu” è una risposta perfetta.

Alle prese con un provocatore e le sue frasi? Reagisci così

2 – “Devo fare sempre tutto io/Sei il solito che…” le frasi che iniziano così sono sintomo più che altro di una frustrazione di chi ci sta davanti. Quindi, respirando a fondo, diamogli una risposta del genere: ” La prossima volta allora mi darai istruzioni più precise, in modo da coordinarci meglio”. Ciò gli farà sottilmente capire che le cose in ogni caso vanno fatte assieme.

3 – “Ho sbrigato il lavoro al posto tuo…/come al solito ho curato io i bambini…/anche questa volta ho pulito io…”. Frasi sgradevolissime che usano solitamente i cosiddetti vittimisti. Il consiglio della psicologa Anna De Simone di Psicoadvisor è di non farsi prendere dalla stizza, e dare invece la propria disponibilità, tenendo anche una sorta di diaro delle attività in modo da poterlo usare come “repellente” in caso di altre lamentele.

4 – “Devi fare come ti dico, sennò…”. Sennò cosa? Questa è quasi una minaccia e il suggerimento è di temporeggiare e lasciar sbollire la tensione che si prova. Questo è un atteggiamento tipico di una relazione tossica. Il consiglio è di fare un passo indietro, spiegandolo senza mezzi termini: “Non ti seguo, non continuare perchè non ti sto capendo, preferisco rilassarmi prima di darti una risposta. Ne parliamo dopo”. Fare un “passo indietro”, al contrario di quanto si potrebbe pensare, è un comportamento in questi casi vincente, che ti permetterà anche di essere più rispettata e guadagnarne in tranquillità. Perchè non provarci, allora?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.