Cibo anti-caldo: con questi alimenti recuperi liquidi e sopporti le alte temperature

In estate spesso la voglia di mangiare si riduce per via del caldo e della continua sete. Scopri quindi quali sono gli alimenti utili per recuperare i liquidi ed affrontare le temperature. 

cibo anti-caldo
ventilatore al buio – Pixabay

I TRE ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

In estate si sa, seguire una sana alimentazione talvolta può risultare difficile. I motivi sono i più disparati ma una posizione importante la detiene il caldo; le elevate temperature spesso ci rende disidratati e anziché mangiare si preferisce bere. Gli esperti ci dicono che si buttano al giorno circa un litro e mezzo di sudore, cifre assurde che spiegano il nostro malessere (pressione bassa, disidratazione).

Spesso i pasti si saltano e quindi diventa veramente difficile mantenere attivo il metabolismo. Cosa fare in questi casi? Introdurre nella nostra alimentazione dei cibi che possiamo rinominarli anti-caldo perché forniscono i liquidi di cui abbiamo assolutamente bisogno. Ecco quindi cosa devi introdurre nel tuo regime alimentare. 

Cibo anti-caldo, gli alimenti che devono entrare nella nostra routine

alimentazione anti-caldo
insalata di quinoa – Pixabay

Il segreto sta sempre nel seguire un’alimentazione corretta che comprende tutto ciò che occorre per dare forza al nostro organismo. Quindi assolutamente sì, a verdura e frutta ma anche le proteine non vanno mai dimenticate. In estate ad esempio si consiglia sempre di consumare dei legumi freddi in insalata oppure frullarli per ottenere l’humus, come quello di ceci.

Vanno assolutamente bene i cibi che contengono fibre e la dieta vegetale ne detiene veramente tante. Le fibre e gli antiossidanti costituiscono i migliori rimedi anti caldo. Le fibre infatti contengono acqua, mentre gli antiossidanti detengono dei fitochimici che proteggono le piante e quindi chi consuma tali alimenti si protegge dal caldo e dai raggi ultravioletti. Ma tutto quanto detto sinora si annulla se sbagliamo le tecniche di conservazione.

Un cibo freddo portato al mare – ad esempio – si riscalda naturalmente e può essere consumato, ma il consiglio è quello di fare porzioni mirate perché il resto andrà buttato. Non è possibile infatti rimettere in frigo gli avanzi del pasto: si creano batteri e cagionando danni alla salute non indifferente se si consumano: come quando si scongela un alimento e lo si ripone nuovamente nel freezer, uno sbalzo di temperatura inaccettabile. 

Il gelato si può mangiare una tantum al posto del pasto ma premunitevi di organizzare bene il pasto successivo e che sia ben equilibrato, in modo che bilanci gli scarsi nutritivi del dolce consumato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.