Hai il colesterolo alto? Gli studiosi sfatano il “falso mito”: non fa male e riduce il rischio infarto

C’è una vecchia credenza per la quale l’alimento in oggetto aumenterebbe il colesterolo in modo esponenziale. Nulla di più sbagliato: lo confermano gli studiosi.

Colesterolo uova studio
Un uomo con infarto (Canva)

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Tenere sotto controllo il proprio colesterolo è fondamentale e i medici esortano spesso i pazienti a mangiare con maggiore attenzione, stando attenti a cibi troppo lavorati e contenenti zuccheri raffinati o grassi saturi.

Tra le credenze più diffuse e che si trovano tutt’ora in giro ce n’è una che riguarda un alimento che tutti noi abbiamo in casa, nel nostro frigorifero, e che utilizziamo per la preparazione di diversi piatti.

Secondo questa teoria conosciuta da tutti, questo cibo andrebbe consumato con moderazione, per non vedere i livelli del colesterolo impennarsi. Uno studio condotto di recente, tuttavia, ha fornito indicazioni completamente opposte, giungendo alla conclusione che non soltanto la “diceria” è errata, ma addirittura l’alimento aiuterebbe a tenere sotto controllo i valori dei grassi nel sangue!

Una scoperta eccezionale, e che cambierà non poco la vita di quanti ne sono sempre andati matti ma si sono costretti a farne a meno o perlomeno diminuirne drasticamente l’uso.

Da oggi potete mangiarlo senza paura per il vostro colesterolo

Un team di ricercatori dell’università di Pechino ha recentemente fatto uno studio prendendo in esame un campione di 4778 persone di Kadoorie, la metà dei quali avevano già sofferto in passato di malattie cardiovascolari. La ricerca ha dimostrato quanto il consumo giornaliero dell’alimento riduca il rischio di infarto.

Si tratta del tanto demonizzato uovo, che per anni è stato indicato come “portatore” di colesterolo e quindi da consumare con parsimonia, al massimo due a settimana. Se è vero che questo prodotto ha ben 200 mg di colesterolo, quindi ben più della metà di quello consigliato da ingerire giornalmente da un adulto, 300 mg, è anche vero che il suo è un grasso “buono”.

Lo studio ha inoltre notato che le persone del test che hanno dichiarato di mangiarne uno al giorno, hanno presentato livelli migliori di lipoproteine, proprio quelle che si trovano nelle uova, e che sono in grado di diminuire i valori e quindi il relativo rischio di infarti. Il consiglio, ora che l’alimento è stato sdoganato, è di preferire sempre quelle biologiche o fresche di contadino, dove possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.