Abbronzatura e raggi UV: cosa è meglio per la nostra pelle tra crema solare e olio? La risposta sconcertante

L’estate è iniziata, e sempre più persone vanno al mare o in montagna in cerca di un po’ di refrigerio, magari approfittandone per migliorare l’abbronzatura. Cosa usare tra crema e olio solare?

Abbronzatura crema olio solare
Una crema solare (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Da due giorni è iniziata la stagione più calda (letteralmente, ci aspettano settimane con più di 40°!) dell’anno, e sono in molti che, appena possibile, cercano refrigerio e sollievo regalandosi weekend al mare o in montagna. Un modo anche per migliorare l’abbronzatura, e poterla sfoggiare con abitini e pantaloncini.

Come abbiamo già tuttavia scritto, non bisogna sottovalutare gli effetti dei raggi UV sulla nostra pelle, che possono provocare anche danni molto gravi, come tumori e ustioni. E’ quindi d’obbligo proteggersi usando i solari indicati, stando bene attenti al tasso di protezione e al tipo che scegliamo.

Un errore che fanno molte persone è pensare che una crema o un olio dal fattore più basso non permetta di abbronzarsi con velocità, se non addirittura impedire il formarsi del tanto desiderato incarnato dorato. Ma qual è, pertanto, tra i due prodotti quello più indicato per chi vuole iniziare a prendere la “tintarella”?

Vuoi un’abbronzatura perfetta? Ecco il prodotto perfetto tra crema e olio

Iniziamo subito con il dire che se non ci si è ancora messi al sole, è bene scegliere una protezione molto alta, sui 50, in modo da non incorrere in eritemi o scottature importanti che poi porterebbero proprio l’effetto opposto. Inoltre, sia la crema che l’olio tendono a disperdersi una volta che si entra in acqua, quindi è buona regola applicarla nuovamente una volta tornati al nostro lettino.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da BioNike Official® (@bionikeofficial)

Tra i due tipi di solari, secondo gli esperti, a vincere è la crema, che oltre ad idratare maggiormente la pelle, si trova anche con tassi di protezione maggiori, ed è quindi indicata particolarmente per i bambini, che hanno la pelle piùà delicata e per chi è alle prese con i primi bagni di sole.

L’olio va bene invece per chi ha già una base di abbronzatura e vuole accentuarla ulteriormente, magari con protezioni minori. Questo prodotto può essere usato anche da chi sta usando una crema, ma dopo giorni di esposizione, con epidermide già preparata, o al tramonto, quando i raggi sono molto meno forti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.