Capelli elettrici: lo mandi via subito con questo trucco casalingo

E’ capitato a tutte di avere i cosiddetti capelli elettrici, quelli che non riesci proprio a controllare. Eppure c’è un trucco da poter utilizzare a casa.

Capelli elettrici
Capelli (Canva)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Il problema dei capelli elettrici non è da sottovalutare, poichè benchè spesso venga sottovalutato, provoca non pochi problemi. Basti pensare a quante volte ci troviamo i capelli ovunque e non riusciamo a controllarli per nulla.

Spesso infatti è un sintomo di chioma non curata e poco forte, ecco perchè si cerca di trovarne una soluzione. Capita che si pensi quindi di usare balsami o shampoo pesanti, in modo da “nutrire” il capello e quindi ovviare al problema.

Purtroppo questo è quanto si possa fare di peggio. Bisogna invece cercare dei prodotti ad hoc, che riescano a rendere invece i nostri capelli leggeri. Ma come fare, ad esempio, se non si hanno le possibilità per un trattamento a “4 stelle”?

Capelli elettrici: come eliminare il problema immediatamente

Il primo step è quello di fare uno shampoo idratante, seguito da un balsamo, conenenti entrambi oli essenziali, in modo da nutrire la capigliatura. Gli oli di Argan o oli di ricino sono essenziali poi per ammorbidire i nostri capelli, e dovremmo quindi dare la precedenza ai prodotti che li contengono.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da [Olio di Argan] (@loveargan)

Importante, poi, anche l’uso di spazzole adeguate: quelle tonde con denti e spatole naturali sono le migliori. Questo tipo di spazzole non spaccano il fusto e contribuiscono a mantenere l’integrità del capello.

Meglio ad esempio non utilizzare spazzole in legno o asciugamani in microfibra che non farebbero altro che enfatizzare il problema. Infatti il problema dei capelli elettrici è anche legato a certi prodotti usati. Meglio quindi evitare prodotti con fibre sintetiche per evitare problemi simili e utilizzare di conseguenza quelli più naturali. Alcuni accorgimenti che possono fare la differenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *