Montagna, la psicologia spiega il bisogno della passione per la “vetta”

Inverno, tempo di montagna e di piste da sci innevate e ciaspolate o trekking con gli amici. La psicologia oggi ci spiega perchè sentiamo il bisogno di arrivare in “vetta”.

Montagna vetta
Una montagna innevata (Canva)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

E’ uno dei posti di villeggiatura più amati durante il periodo invernale, preso d’assalto da migliaia di persone che desiderano potersi rilassare e divertire con amici e parenti sulle piste da sci o con le ciaspole ai piedi, per poi potersi godere lo spettacolo suggestivo che li circonda al caldo di una baita.

La montagna è magica, e quando ricoperta di neve non può far altro che portare a suggestioni natalizie e pensieri di un fuoco caldo e magari una bella cioccolata tra le mani o un piatto di polenta taragna da gustare in compagnia.

Ma a fianco di chi vive la montagna in modo più “tranquillo”, troviamo anche chi la ama per la possibilità di scalarne le pareti e raggiungerne la cima: gli appassionati di alpinismo. Oggi la psicologia ci aiuta a capire i motivi che portano tante persone anche a rischiare la vita, pur di arrivare in cima.

Arrivare sulla cima di una montagna: perchè è così importante?

A spiegarlo è lo psicologo Graziano Gigante, interpellato da Montagna.tv  che tiene a sottolineare quanto in psicologia delle generalizzazioni non siano facili da fare, ma ci possano essere degli indizi comuni che aiutano a capire il bisogno degli alpinisti di arrivare in vetta. Il raggiungimento di quell’obbiettivo sarebbe un modo per mettere alla prova le proprie capacità e competenze, e quindi vederle realizzate.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Diego Foroni (@forex630)

Inoltre, alcuni appassionati di alpinismo hanno anche dichiarato che seguire questa disciplina è anche un modo per affrontare paure che non trovano più nella vita di tutti i giorni. Ciò tuttavia potrebbe spingere alcuni individui oltre i limiti, con il rischio di ritrovarsi in situazioni molto pericolose.

Si è poi notato quanto gli alpinisti più estremi siano persone di solito con un alto senso di autodeterminazione e una soglia bassa di percezione del rischio: non hanno paura di rischire e sono concentrati verso l’obbiettivo finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *