Beauty: le nuove abitudini degli italiani analizzate tra presente e futuro

Il recente report pubblicato dà una fotografia eclatante della situazione del settore beauty nel nostro Paese e fornisce anche delle indicazioni sul suo andamento futuro.

Report sul beauty in Italia
Una profumeria (Facebook)

In questi ultimi due anni, complice anche un isolamento forzato, sempre più persone hanno dedicato tempo alla cura della persona, incrementando i guadagni del settore beauty, che oggi appare sempre più voltato alla sostenibilità.

Si parla di green ormai ovunque e anche per quanto riguarda i prodotti dedicati alla bellezza, c’è una maggiore ricerca di prodotti attenti all’ambiente e i consumatori vogliono maggiore chiarezza da parte dei brand.

Questa è solo una parte di ciò che viene fuori dal recente Beauty Report pubblicato da Klarna, tra i leader nel settore dei servizi di pagamento e di shopping. L’azienda ha preso in esame in particolare tre paesi: Francia, Spagna e Italia, raccogliendo più di 4000 testimonianze raccolte il febbraio scorso.

Quello che ne viene fuori è un ritratto aggiornato delle nuove abitudini degli italiani e di ciò che si aspettano in futuro dal settore bellezza. Il 38% degli acquisti è dedicato allo skincare, seguito dal 26% per il make up, il 13% per la pulizia personale, il 10% per il bagno e l’8% per i capelli.

Si evince, quindi, che rispetto agli anni passati i consumatori abbiano prediletto più la salute, rispetto all’aspetto esteriore, con un’attenzione maggiore al self care, con un 31% che ha affermato di preferire i prodotti per la pelle a quelli per il trucco e il 23% che dichiara di aver semplificato la beauty routine.

Beauty: il report parla chiaro e dà indicazioni per il futuro

Ciò non toglie che gli italiani siano interessati alle nuove tecnologie e innovazioni di mercato, con un interesse particolare per le app dedicate alla simulazione di make up. L’attenzione è rivolta anche alla politica green delle griffe, e alla loro maggiore trasparenza sugli elementi usati.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Il Profumo di ECB (@elisabettacriniburzi)

Il 71% degli intervistati ha dichiarato di prestare maggiore attenzione alle etichette prima di procedere con l’acquisto e il 62% ha affermato di stare attento che il prodotto sia cruel free, vegan o realizzato eticamente.

Leggi anche –> Michelle Hunziker: la sua maglia cut out sarà il trend sensuale di questa primavera

Leggi anche –> Victoria Beckham: al matrimonio di Brooklyn il suo outfit non passa inosservato

Un trend che avrà sempre più seguito sarà quello dei prodotti di bellezza ricaricabili, che prendono sempre più piede rispetto a quelli “usa e getta”. Un segnale che il futuro del beauty sarà improntato a maggiore consapevolezza e attenzione all’ambiente, oltre che alla pelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.