Frutta secca, perché è fondamentale mangiarla ogni giorno

Frutta secca, perché è così importante introdurla nella nostra alimentazione. Tutti i benefici che non sai su questo alimento.

frutta secca benefici
Mandorle (Foto Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Come sappiamo, avere un’alimentazione sana ed equilibrata è fondamentale per mantenere il nostro organismo in salute nel tempo, e anche per evitare l’nsorgenza di alcune patologie.

Un’alimentazione corretta e uno stile di vita sano sono infatti consigliate da tutti i medici, e attraverso molti studi fatti negli anni, si è arrivato a capire anche quali alimenti siano addirittura fondamentali da introdurre ogni giorno nella nostra alimentazione.

Tra questi, spicca la frutta secca, non sempre considerata al massimo delle sue potenzialità e dei benefici che può apportare al nostro organismo.

Andiamo quindi a vedere perché invece è fondamentale introdurre la frutta secca nella nostra alimentazione ogni giorno.

Frutta secca, tutti i benefici

frutta secca benefici
Noci (Foto Pixabay)

Tra la frutta secca troviamo ad esempio le noci, le nocciole, i pinoli, le mandorle, i pistacchi e tanti altri alimenti, che possono diventare il vero motore del nostro corpo.

Questo perché sono ricchi di proteine, sali minerali, fibre e vitamine, tutti elementi indispensabili per la nostra salute.

Ad esempio, i sali minerali sono fondamentali per la rigenerazione dei tessuti, così come le proteine, che li costruiscono dall’interno.

Le fibre saziano e favoriscono il transito intestinale, mentre le vitamine promuovono il rinnovamento cellulare, aumentano la produzione di energia, sostengono la struttura ossea, aumentano le difese immunitarie e permettono il buon funzionamento del sistema nervoso.

Consumare ogni giorno frutta secca è quindi fondamentale per poter ottenere tutti questi benefici. Ma quali sono le giuste quantità di assunzione?

La frutta secca è molto calorica e contiene anche una notevole quantità di grassi, per questo la quantità giornaliera suggerita è di 30 g da consumare lontano dai pasti principali.

L’ideale sarebbe inserirla negli spuntini della mattina e del pomeriggio, divisa in due porzioni, magari accompagnandola con frutta fresca, di cui riesce addirittura ad abbassare il carico glicemico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *