Paura di guidare: in questo modo puoi vincerla per sempre

Può essere un semplice timore o sfociare in una vera e propria fobia: è la paura di guidare. Come risolvere questo problema particolare?

Paura di guidare rimedi
Donna alla guida (Canva)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

E’ normale sentirsi un po’ timorosi quando si è appena presa la patente: tutto è nuovo, si ha poca esperienza e si ha paura di non essere abbastanza pronti di riflessi. Di solito è una fase che si supera poi con facilità, con il passare del tempo.

Esistono tuttavia persone per le quali mettersi al volante è un vero strazio, e vengono assaliti quasi da una sorta di attacco di panico. In questo caso si parla allora di paura di guidare o amaxofobia, il suo nome clinico.

Un bel problema per chi, magari, è costretto ad utilizzare l’auto per poter andare al lavoro, o magari ha il supermercato non raggiungibile con i mezzi o a piedi. Come fare allora in questi casi?

Uno dei suggerimenti è quello, se possibile, di farsi accompagnare da un amico o un parente. In questo modo si avrà il sostegno di una persona amica e ci si sentirà meno soli davanti all’ostacolo. Questa, tuttavia, è una soluzione che gli specialisti ritengono un palliativo.

Paura di guidare: alcuni trucchi per poterla superare

Il primo consiglio è quello di cercare di mantenere un pensiero positivo quando ci si sta per mettere alla guida, tentando di allontanare eventuale stress e negatività. Mettere in pratica una sorta di training autogeno può essere molto utile, in particolare se l’amaxofobia è arrivata dopo aver assistito o subito un incidente.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da #grande_voiture (@grande_voiture)

Una buona strategia è di ricominciare a guidare gradualmente, non partendo subito con lunghi percorsi. L’ideale è salire in auto e fare magari il giro del quartiere, per poi aumentare la distanza giorno dopo giorno. Per chi ha paura di guidare su strade ad alta percorrenza come autostrade e superstrade, gli psicologi consigliano di sedersi su una sedia a casa, immaginandosi alla guida per qualche minuto. A questo punto si potrà fare un piccolo tentativo, prendendo l’autostrada e uscendo al primo casello, giusto per rompere il ghiaccio, aumentando poi la percorrenza.

Discorso identico per chi ha invece timore del traffico e delle strade cittadine. Un suggerimento è inoltre di curare il veicolo, prendere confidenza con esso, cercando di renderlo il più confortevole possibile, L’unica condizione obbligatoria, è quella di non smettere di guidare, per evitare di entrare in una spirale dalla quale potrebbe essere difficile uscire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *