Carote, non fare l’errore più comune: devono essere mangiate così

Carote, straordinarie alleate della salute, vantano numerosi benefici per l’organismo. Tuttavia esiste un errore molto comune che ne compromette le proprietà: ecco come devono essere mangiate

Carote errore comune
Carote (Pexels)

Gli articoli più letti di oggi:

L’alimentazione non è solo un mezzo di sostentamento per affrontare le giornate, ma un vero e proprio stile di vita che determina il benessere totale della persona. Le scelte dietetiche permettono infatti di beneficiare di alcuni preziosi nutrimenti che singolarmente agiscono su particolari aspetti dell’organismo, in alcuni casi rivelandosi dei veri e propri toccasana. Questo è il caso delle carote, preziosissimi ortaggi che apportano benefici inestimabili alla salute, grazie alle straordinarie proprietà che esercitano in modo riscontrabile.

Ricche di vitamina A, sono famose per contenere il beta-carotene, conosciuto principalmente per i comprovati effetti sull’abbronzatura, che tuttavia rivelano una capacità più profonda. Quella di migliorare in generale la salute e l’aspetto della pelle, come strumento di prevenzione contro l’invecchiamento cutaneo. Le carote sono infatti un potentissimo antiossidante, che agisce anche su diversi apparati, a partire da quello cardiocircolatorio. Tuttavia esistono alcuni errori molto comuni che non permettono l’assimilazione totale delle proprietà delle carote: quello più comune.

Carote, l’errore più comune

Carote errore comune
Carote (Pixabay)

Se esiste un prodotto in natura capace di fornire all’organismo numerosi benefici tanto da influire sul benessere, la definizione non può che trovare riscontro nelle carote, alleate indiscusse della salute. Le loro numerose proprietà sono preziose per l’organismo, a partire da quelle antiossidanti, che permettono di contrastare gli effetti nocivi dei radicali liberi.

Sono purificanti per il buon funzionamento di fegato e reni, oltre che antinfiammatorie per quanto riguarda la mucose dello stomaco e l’equilibrio dell’intestino. Aiutano a mantenere ottimali i livelli del colesterolo “cattivo”, e si rivelano persino antitumorali, beneficio che le rende indispensabili nella propria dieta. Ricche di nutrienti, esiste tuttavia un errore molto comune che impedisce la corretta assunzione delle proprietà che contraddistinguono questo ortaggi.

Si tratta dell’eliminazione della buccia, che concentra numerosi nutrienti, azione che ne compromette la totale assunzione. Pelare le carote infatti determina anche la rimozione di numerosi sali minerali, condensati nella buccia, oltre che delle vitamine, quali la vitamina A, B, C ed E, oltre che del betacarotene, preziosissimo per la funzione antiossidante delle carote. Per beneficiare al massimo delle loro proprietà, bisogna mantenere la buccia e procedere con la cottura al vapore, che permette di mantenere invariate le proprietà organolettiche delle carote.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.