Gioielli contro il malumore post-vacanza: esistono e funzionano davvero, sono loro

Ci sono alcuni gioielli in grado di farci passare lo stress da rientro e rimetterci di buonumore. Ecco di quali si tratta e perchè funzionano bene.

gioielli divertenti per rientro
Una donna ingioiellata (Canva)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

E’ ormai ufficialmente iniziato settembre, e per milioni di noi ciò vuol dire il ritorno alla vita di tutti i giorni, fatta anche di incombenze e progetti lasciati in sospeso all’inizio di agosto. Si parla spesso di stress da rientro, un malessere che si prova appunto nei primi giorni del post-vacanze.

Una vera e propria sindrome, che colpisce in molti e che va affrontata in modo graduale, per non avere “traumi” nel tornare a pieno regime. Gli specialisti suggeriscono, per qunto possibile, di non ricominciare subito a lavorare con i ritmi soliti e soprattutto di trovare ancora un po’ di tempo per noi stesse, sotto forma di una seduta dal parrucchiere, o un sessione di shopping.

E a darci una mano, proprio in questo caso, possono essere anche dei gioielli scaccia malumore, che diventano quindi grandi alleati in questa fase un po’ delicata. Ecco di quali si tratta.

Gioielli che suscitano il buonumore? Esistono e sono questi

Per scacciare il nervosismo e il malumore nel rientrare in ufficio, non c’è nulla di meglio dei monili divertenti, lasciando da parte momentaneamente quelli più classici e che usiamo normalmente tutti i giorni. Carinissimo, ad esempio, l’anello-souvenir con dipinte le immagini dei posti visitati. Quello di Chantecler è irresistibile, con i colori e la vita di Capri disegnate sopra.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Chantecler (@chantecler_official)

Per non parlare dell’ultra originale anello di Bona Calvi, che rappresenta un bicchiere che viene riempito di vino, oppure quello di Piaget a forma di bicchiere con tanto di ombrellino. Preziosa e tenera allo stesso tempo la spilla raffigurante un cagnolino in oro di Van Cleef&Arpels. splendida la collana nei toni graduali del rosa di Swarowski, da indossare per dare un po’ di colore al tailleur da ufficio.

E ancora, i bones di Elsa Schiapparelli in mille colori, per portare una ventata di vivacità e togliere il grigiore dalla giornata. Azzurro, terra e panna per la collana di Giovanni Raspini, che ricorda, in chiave decisamente più preziosa, quelle che si trovano nelle bancarelle sul lungomare. Un modo per portare un pizzico di vacanza al lavoro, pur con la mente ai compiti che ci aspettano, ma questa volta affrontati magari con un bel sorriso sulle labbra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.