Ritorno a scuola: “libri troppo cari” – le maestre passano agli ebook

A breve inizierà il nuovo anno scolastico, e per molte famiglie il ritorno a scuola segnerà anche un salasso per l’acquisto dei libri. La soluzione sono gli ebook.

Scuola caro libri
Un gruppo di scolari (Canva)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Tra poche settimane la scuola riaprirà i battenti e milioni di studenti affolleranno di nuovo le aule. Per le famiglie quindi a breve ci sarà il temuto appuntamento con  l’acquisto dei libri scolastici, un vero salasso per il bilancio dei nuclei familiari.

Inoltre i libri sono anche pesanti da portare, specialmente per i più piccoli, e nonostante gli ultimi zaini con carrellino apposito, sono un ingombro non indifferente. E’ per questo che, al contrario degli altri anni, sempre più istituti stanno spingendo alunni e genitori a prediligere la versione digitale dei libri di testo, i cosiddetti ebook.

Una soluzione che oltre a dare sollievo alla schiena degli studenti, comportano un prezzo decisamente minore, nonchè un risparmio in termini di carta, con un minore impatto ecologico.

Caro libri: la scuola punta ora sempre più sull’uso degli ebook

Già negli scorsi anni il Ministero aveva tentato di percorrere la strada del digitale, addirittura nel 2014, ma purtroppo i tempi non erano ancora maturi, e poche famiglie avevano deciso di usare gli ebook, preferendo, nel tentativo di risparmiare, affidarsi all’acquisto di libri usati. La situazione per fortuna con il passare del tempo è cambiata, e oggi, grazie anche alla scontistica applicata da colossi come Amazon, i libri elettronici sono sempre più comuni. Del resto anche la tecnologia ha fatto passi da gigante e oggi pressochè chiunque ha uno smartphone o un tablet.

Oggi tutte le librerie più note, come Mondadori, Zanichelli, Il Libraccio, hanno la versione elettronica dei maggiori libri di testo, e anche il sito di Jeff Bezos ha una sezione apposita dedicata alla scuola, che in questo periodo ne offre anche le versioni scontate.

La scelta per le famiglie diventa quindi più semplice, e il risparmio è innegabile, poichè sebbene l’acquisto di un tablet non sia certo una questione di pochi Euro, in circolazione se ne trovano anche di economici, che permettono quindi all’alunno di poter scegliere di non portare sulle spalle, letteralmente, chili di “cultura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.