Vista, scoperta incredibile: ognuno vede gli oggetti in modo diverso

Una recente scoperta ha portato letteralmente alla luce delle incredibili verità sulla nostra vista. Ciascuno di noi vede gli oggetti diversamente.

vista segreti
Degli occhi (Canva)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Un recente studio tenuto da un gruppo di psicologi ha fornito preziose e curiose informazioni sulla nostra vista e le capacità diverse che abbiamo tutti noi. Non parliamo ovviamente di riconoscere oggetti semplici come un’automobile, o una banana, o un’aereo.

Ci sono tuttavia persone che sono in grado anche a grande distanza di riconoscere particolari ben precisi e gli studiosi della Vanderbilt University si sono domandati se ciò avvenga per una sorta di talento speciale.

Gli psicologi hanno condotto ancora quattro anni fa un esperimento su un campione di persone, e hanno raccontato con dovizia di particolari come si e svolto e cosa ne hanno dedotto al magazine The Conversation.

Le nozioni classiche di intelligenza potrebbero essere solo uno dei tanti fattori che determinano le capacità complessive. Un’aumentata attenzione alle abilità percettive, specialmente quelle generali, potrebbe aiutare a ridurre le diseguaglianze” hanno dichiarato.

Vista: i suoi segreti svelati dagli psicologi

Isabel Gauthier e Jason Chow hanno preso in esame un campione di 200 individui, sottoponendoli a test in cui hanno messo alla prova le loro abilità percettive relative a cose mai viste prima. Nel 2019, quindi, hanno pubblicato i risultati ottenuti una prima volta sulla rivista specializzata Psychological Review, dimostrando l’esistenza in alcuni soggetti di riconoscere gli oggetti, che hanno nominato “abilità 0”.

In rete ad oggi esiste anche una demo da loro creata che permette a chiunque lo desidera di mettersi alla prova e testare le capacità. L’indirizzo dove poterla trovare è: https://jasonkchow.github.io/ov_demo/. Anche se può sembrare una ricerca senza nessun particolare scopo, i risultati conseguiti sono invece molto importanti.

Basti pensare, ad esempio, a tutte quelle professioni che necessitano di riconoscere proprio degli oggetti, come lavori di tipo medico e scientifico. Ora questo studio potrebbe aiutare a renderle maggiormente performanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.