Pomodoro, stai alla larga se hai questi sintomi – peggiora le cose

Pomodoro, è meglio evitarlo se si avvertono questi sintomi. Per quali patologie è meglio non mangiare questo alimento.

pomodoro quando non mangiarlo patologie
Pomodoro, è meglio evitarlo se si soffre di alcune patologie (Foto di Anelka da Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Il pomodoro è un’alimento molto usato nella nostra tradizione ed è considerato un vero e proprio simbolo dell’italianità nel mondo.

Ricco di sostanze nutrienti, come vitamine, potassio e fibre, il pomodoro è un’alimento indispensabile per molte preparazioni culinarie ed è fondamentale per il nostro organismo.

Eppure, nonostante i tanti benefici, il pomodoro non è consigliato nel caso di alcune patologie specifiche, perché provoca un peggioramento dei sintomi o addirittura nuovi malesseri.

Andiamo a vedere quindi quali sono queste patologie e quali sintomi può provocare l’ingestione di questo alimento.

Pomodoro, ecco quando mangiarlo può essere pericoloso

pomodoro quando non mangiarlo patologie
Pomodori (Foto di ha11ok da Pixabay)

Per prima cosa, il pomodoro non è consigliato per chi soffre di problemi legati all’apparato digerente e intestinale.

Questo perché le bucce ed i semi dell’ortaggio in particolare hanno un effetto molto irritante per l’intestino, con la conseguenza che la sua ingestione provoca dolori addominali e diarrea.

Inoltre, per i soggetti allergici e intolleranti, questo alimento non è indicato, proprio perché aumenta l’insorgenza di sintomi legati a questi problemi.

Un’altra cosa che non tutti sanno, è che mangiare una quantità eccessiva di questo ortaggio rende il sistema immunitario più debole, e così non più in grado di combattere infezioni batteriche e fungine.

Inoltre, per le persone anziane, gli alti livelli di licopene contenuti al suo interno, producono anche dolori alla prostata, difficoltà urinarie e in casi gravi, anche il cancro.

Ma quanto è giusto mangiarne allora? La quantità giusta, varia ovviamente da persona a persona, in base al suo stato fisico e alle patologie.

In ogni caso, comunque, se ne consiglia l’assunzioni nelle dosi di un terzo di tazza al giorno, per non correre rischi e beneficiare delle sue proprietà nutrizionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.