Caffè? Dovresti assumerlo in questo modo per non avere conseguenze a lungo termine…

Il momento giusto per bere il caffè? Svelato il modo corretto per berlo. Perché abbiamo sempre sbagliato! Ecco la rivelazione degli esperti.

caffè
(Freepik)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Il caffè è una delle bevande più utilizzate dalle famiglie italiane e non solo. Per noi italiani e per chi lo ama, è un vero e proprio momento di relax ed ogni momento è quello giusto per berlo da soli o in compagnia. Ma in realtà per aumentare i suoi benefici quello che dicono scienza e medicina è molto diverso da quello che crediamo. Il caffè andrebbe bevuto in momenti precisi della giornata. Vediamo nel dettaglio quali sarebbero.

Caffè: ecco il momento migliore per berlo

caffè quando berlo
(Freepik)

Come abbiamo già detto il caffè è soprattutto per noi italiani quasi un “momento sacro” della giornata. Ma secondo gli esperti il nostro modo di assumerlo è totalmente errato. Tant’è che uno dei momenti in cui solitamente preferiamo assumerlo è al mattino appena svegli. Non ci fu cosa più errata. Infatti appena svegli il cortisolo è presente nel nostro organismo in quantità elevate, quindi assumere caffeina può essere molto deleterio per il nostro organismo. In quanto aumenta la risposta di questa sostanza in modo esponenziale. Quindi sarebbe ottimale assumerlo a metà mattina quando i livelli di cortisolo sono in quantità inferiore nel nostro corpo.

La caffeina è un energizzante che ci consente di essere più vigili e concentrati. Infatti secondo la scienza l’ideale sarebbe assumere una tazzina di caffè proprio prima di eventi importanti come un’esame o una riunione. In questo modo andremo ad incentivare la nostra concentrazione e ad essere più attenti. Inoltre anche assumerlo mezz’ora prima di un allenamento può agevolare le nostre prestazioni ginniche poiché la caffeina può darci quello sprint in più che serve.

In conclusione assumere caffè sarebbe indicato, secondo la scienza, dalle 9 di mattina alle 11 e un’altro durante il primo pomeriggio anche dopo pranzo. Se si è troppo sensibili agli effetti della caffeina come insonnia, ansia, tachicardia meglio evitare in assoluto o quanto meno assumerlo con moderazione. Inoltre, c’è da dire che gli effetti del caffè non sono uguali per tutti, poiché l’organismo lo assimila e lo smaltisce in modo differente per ognuno di noi. L’ideale sarebbe assumere massimo due tazzine di caffè al giorno per non esserne totalmente dipendenti essendo che rimanere nel corpo per almeno 12 ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.