Carenza di vitamina D: a rivelartelo sarà l’olfatto, ecco cosa succede

Se sei carente di vitamina D potresti scoprirlo grazie all’olfatto, ecco cosa potrebbe accadere.

La vitamina D è fondamentale per riuscire a svolgere svariate funzioni a livello biologico è infatti la vitamina D che si occupa di regolare la funzione del metabolismo osseo e di garantire l’assorbimento di determinati minerali. Andando avanti con gli anni lo scheletro è più soggetto a fratture, e a sviluppare patologie ossee come l’osteoporosi, con livelli adeguati di vitamina D, il rischio si riduce notevolmente.

vitamina D carenza olfatto
(Pixabay)

Oggi come oggi purtroppo sono sempre di più le persone che hanno sviluppato una o più carenze vitaminiche, per assumere la vitamina D ci sono svariati modi dagli integratori alimentari, all’esposizione solare, non è necessario esporsi al sole per ore, anche i raggi UV sono rischiosi per la salute della pelle, tuttavia il sole diventa nocivo solo se l’esposizione è estremamente prolungata e frequente nelle ore di punta. Per assorbire una buona dose di vitamina D sono sufficienti dai 10 ai 20 minuti a seconda della stagione, in estate bastano solo 10 minuti di esposizione solare.

Vitamina D e olfatto potresti scoprire in questo modo di esserne carente:

vitamina D carenza olfatto
(Pixabay)

Una carenza di vitamina D può portare alla comparsa di numerosi fastidi, conseguentemente a questo deficit infatti si potrebbero verificare dei dolori ossei e muscolari, soprattutto nelle mani e nei piedi si potrebbe avvertire la sensazione di formicolii anomali, un’altra condizione che potrebbe verificarsi è ad esempio l’artrite.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Creme solari, ecco le migliori secondo i test di laboratorio

Diversi studi hanno inoltre riportato che una carenza di questa vitamina può indurre addirittura lo sviluppo di patologie più serie come diabete, ipertensione e cancro, tra le cause principali che portano allo sviluppo di questa carenza, ci sono l’avanzare dell’età, un’alimentazione non salutare, la sedentarietà, l’obesità e una scarsa esposizione al sole.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vitamina D: il frutto che vi aiuterà a fare il pieno di potassio

Qualche anno fa sulla rivista Nutrients è stato pubblicato uno studio che sottolineava una correlazione tra la carenza di vitamina D e la perdita del gusto e dell’olfatto, questo processo non si verifica da un momento all’altro ma è graduale. Principali rimedi che ci sono per assumere vitamina D, vi è prima di tutto l’esposizione solare, esistono poi molti integratori alimentari di origine naturale, e inoltre è possibile trovarla anche in alcuni cibi come sardine e salmone, semi di soia, spinaci e fagioli tondini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.