Sharenting, il fenomeno che sta spaventando i genitori: i più piccoli sono in serio pericolo

Che cos’è lo sharenting? Una pratica online che deve destare preoccupazione tra i genitori nei confronti dei loro figli. Come proteggersi contro i rischi di questo fenomeno virale.

Sharenting
Che cos’è ? (Canva) – Haircare.it

Il sharenting è un termine usato per descrivere la condivisione da parte dei genitori di informazioni e contenuti riguardanti i loro figli sui social media. È un concetto relativamente nuovo, ma sta diventando sempre più popolare, soprattutto tra i genitori più giovani.

Vari tipi di contenuti possono essere condivisi, tra cui foto, video e status. Molti genitori condividono aneddoti sui momenti di apprendimento dei loro bambini e informazioni sulle loro attività quotidiane, come pranzo per la scuola o una gita al parco.

Sebbene il sharenting consenta ai genitori di condividere i loro momenti più felici con i loro amici e parenti, può anche portare a conseguenze sfavorevoli. I bambini molto giovani non possono comprendere appieno le implicazioni della divulgazione di dati su Internet, e di conseguenza, comporta anche una mancanza di privacy per loro. Inoltre, le informazioni condivise possono essere utilizzate in modo improprio da individui malintenzionati.

Sharenting, come proteggere i più piccoli dagli attacchi dei malintenzionati

Sharenting
Come proteggerli dai malintenzionati? (Canva) – Haircare.it

L’ARTICOLO PIU’ LETTO DI OGGI >>>Rughe addio, i migliori prodotti a base di retinolo con cui ringiovanire nell’immediato

Inoltre, alcuni esperti hanno scoperto che il sharenting può influire negativamente sullo sviluppo dei bambini. Il loro senso di identità può essere compromesso da un eccessivo numero di foto e commenti postati sui social media, che possono portare a sentimenti di insicurezza e una dipendenza da un ‘immagine positiva del loro aspetto.

Se usato in modo ragionevole, il sharenting può anche essere uno strumento utile per i genitori. Condividendo i momenti felici e le conquiste dei propri bambini, i genitori possono mostrare al mondo l’amore e l’orgoglio di cui si sentono pienamente.

E’ importante notare che mostrare troppe informazioni di un bambino sui social media può anche mettere in pericolo la loro privacy e persino la loro sicurezza. Allo stesso tempo, ha anche i suoi vantaggi, a partire dal sostegno tra genitori. La condivisione di contenuti sui propri figli inoltre consente ai genitori di vivere momenti di separazione felici.

Sharenting
Salva la privacy dei più piccoli (Canva) – Haircare.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>>Francesco Totti e Ilary Blasi, le immagini del primo Natale separati: come hanno trascorso le feste

Tuttavia, è necessario essere severi nella gestione del sharenting e una regola generale da seguire è: condividi informazioni solo se sono adatte alla tua età. Inoltre, è importante assicurarsi che tutte le foto e i contenuti condivisi presentino il bambino nel modo migliore possibile.

Un altro passo importante da prendere è quello di limitare le impostazioni di sicurezza sui social media. Per fare in modo che i suoi contenuti non vengano condivisi con persone estranee, è meglio limitarsi ai propri contatti di fiducia. Inoltre, si può modificare manualmente l’impostazione della privacy per impedire che la foto sia condivisa e eliminare la geocalizzazione. 

In sintesi, è importante che i genitori riflettano attentamente su come e quando usare il sharenting quando si tratta dei propri figli. Dovrebbero tenere presente che i bambini hanno anche il diritto di mantenere una certa privacy, soprattutto quando si tratta di contenuti online. Se usato con cautela, tuttavia, può essere un modo divertente e utile per condividere i momenti felici come famiglia.