Pranzo di Natale, 3 ricette semplici per cucinare l’arrosto

Stiamo arrivando al giorno di Natale e ancora non sapete cosa cucinare? Per non sbagliare provate l’arrosto. Succulento e squisito, metterà tutti d’accordo, avrà un gran successo, talmente tanto che state pronte a fare il bis!

arrosto
Le ricette della tradizione. Scopri come cucinare un’arrosto coi fiocchi (Canva)

Arriva il pranzo di Natale e non sapete ancora che cosa cucinare ai vostri ospiti? Niente paura arriva la ricetta doc per l’occasione, ovvero l’arrosto. Succulento e prelibato per un piatto che metterà tutti d’accordo per la sua infinita bontà, oltre a fare un gran figurone.

E’ un piatto veloce che se lo desiderate con le giuste accortezze potrete conservarlo per un paio di giorni in anticipo in frigo, in modo da potervi dedicare ad altre preparazioni. Noi vogliamo presentarvi tre versioni, tutte buonissime ma con uno sprint in più che conquisteranno il palato di tutti i commensali. 

Il segreto principale per una buona riuscita è la qualità della carne. Affidatevi al vostro macellaio di fiducia. Il taglio ideale è il girello di vitello, oppure l’arista di maiale o la fesa di tacchino. Altro trucco per un piatto prelibato? Avere a disposizione aromi e spezie oltre a tanta pazienza e passione. 

3 versioni diverse per preparare l’arrosto per Natale, un piatto tipico e prelibato che farà impazzire tutti

arrosto
Arrosto imbottito funghi e speck (Canva)

L’ARTICOLO PIU’ LETTO DI OGGI >>>Natale: le migliori idee regalo beauty per trascorrere le feste nel segno della bellezza

Fondamentale accertarsi quante persone siete per il pranzo e con questo dato riferire al macellaio per darvi il quantitativo giusto di carne. Per otto persone serve almeno un  kilo e mezzo di arrosto. Prima di tutto spennellare con olio e rosmarino la superficie dell’arrosto e fatelo rosolare in padella fino a quando non avrà acquisito un colore ambrato e avrà fatto la tipica crosticina dorata.

 A questo punto sfumate con un prosecco a vostro piacimento e avvolgetelo nella carta alluminio. Infornate a 200 gradi per almeno 40 minuti. Non dimenticate di raccogliere da parte il sughetto che avrà rilasciato l’arrosto e da parte fatelo bollire con il succo di mezza arancia. Una volta pronto tagliatelo a fette e servitelo con la salsa all’arancia, e come contorno optate per delle patate, semplici e gustose. 

arrosto
Arista, una versione più leggera ma comunque gustosa (canva)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>>Piumini, con questo trucco non li rovinerai più in lavatrice!

La seconda ricetta è anch’essa molto saporita e con un tocco più moderno. Questa volta optate per l’arista di maiale. Spennellate la superficie con aromi e spezie a piacere, avvolgete nella carta stagnola e infornate per 20 25 minuti a 280 gradi in forno ventilato. Da parte preparate un trito di sedano, carote e cipolla tagliate grossolanamente e fate saltare in padella. Una volta pronta l’arista servite con le verdure ripassate in padella. 

Non poteva mancare l’arrosto ripieno, un must delle feste natalizie riproposto da nord a sud e soprattutto in America. Procedete lavando i funghi, tagliateli a spicchi e fateli cuocere in padella con uno spicchio di aglio e un giro di olio extravergine d’oliva. Aggiustate di sale e fate rosolare. Una volta cotti versate in una ciotola e aggiungete 200 grammi di speck tagliato a cubetti e 100 grammi di ricotta.

A questo punto prendete la carne e spalmatevi sopra il ripieno, arrotolate e legate con lo spago. Rosolate per qualche minuto sigillando tutti i lati per poi terminare la cottura in forno a 170 gradi per 40 minuti in forno ventilato. Non dimenticate di raccogliere il sughetto e aggiungete un cucchiaio di farina per creare una deliziosa e corposa salsa da servire insieme all’arrosto ripieno.