Ovetto Kinder: incubo Salmonella all’estero

Amanti degli ovetti Kinder all’ascolto, leggete questo articolo perché potrebbe rivelarsi più utile di quanto possiate mai immaginare. Non per allarmarvi ma, da qualche tempo, sono in corso degli studi per vedere se c’è un’associazione tra il loro consumo e la Salmonella.

cioccolato
(PublicDomainPictures- Pixabay)

Golosoni all’ascolto, sto per comunicarvi una notizia che vi lascerà attoniti, ma qualcuno doveva pure comunicarvelo…quindi non prendetevela con me eh!

Ricerche in corso sugli ovetti Kinder: ecco cosa sta succedendo

ovetto Kinder estero
(press 👍 and ⭐- Pixabay)

Golosoni all’ascolto, sapevate che la Ferrero, colosso dolciario con sede in Piemonte e adorato in ogni parte del mondo (specie in Italia) a ha dovuto ritirare i celebri Ovetti Kinder dagli scaffali di negozi e supermercati sia in Inghilterra che in Irlanda? Eh si, è stata difatti una mossa precauzionale, siccome si è supposto che alcuni lotti degli ovetti di cioccolato al latte con sorpresa potessero essere potenzialmente collegati ad un potenziale focolaio di salmonella.

La notizia è stata riportata dai giornali e dalle tv britanniche, che citano come fonte la Food Standards Agency, quest’ultima sarebbe “l’agenzia per la sicurezza degli alimenti”; C’è stata poi la conferma da parte dell’azienda, che ha disposto il ritiro a scopo precauzionale e non ha escluso di poter estendere il provvedimento anche ad altri Paesi che ne fanno abituali compere e consumo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Soffri di colesterolo? Nessun problema, ecco il frutto che non danneggia la salute

“Stiamo richiamando volontariamente lotti selezionati di Kinder Surprise (quelli con scadenza tra l’11 luglio e il 7 ottobre 2022, prodotti nello stabilimento belga di Arlon) – si legge nella nota di Ferrero – come misura precauzionale, dal momento che siamo venuti a conoscenza di un possibile collegamento a una serie di casi segnalati di salmonella”.

Dunque la nota azienda ha effettuato nell’immediato il ritiro del prodotto in maniera volontaria, parlando in questo modo: “Stiamo lavorando a stretto contatto con loro e con le autorità competenti per identificare la causa precisa di questo focolaio”. Tina Potter (la responsabile degli incidenti della Fsa) aggiunge:” Sappiamo che questi particolari prodotti sono apprezzati dai bambini piccoli, soprattutto con l’avvicinarsi della Pasqua. Invitiamo quindi i genitori e i tutori dei bambini a controllare se qualche prodotto già in casa sia interessato da questo richiamo”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Mangiate il miele tutti i giorni? ecco cosa può accadere

Mi raccomando, prestate molta attenzione e , se siete degli abituali consumatori di questo prodotto, oppure amate comprarlo ai vostri figli (d’altronde io lo acquisto molto spesso per mio fratello) fateci caso. Con la salute non si scherza mai! Siamo fiduciosi, però, che la Kinder saprà fronteggiare al meglio questo problema!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.