Memoria di ferro anche negli “anta”: trucchi per allenarla

Anche per gli “anta” è possibile avere la memoria di ferro. Ecco dei semplici trucchi per allenare la mente e contrastare l’invecchiamento.

la memoria
La memoria per gli “anta” (Freepik)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Più passano gli anni e più è semplice che chi si trova negli “anta” possa facilmente dimenticarsi qualcosa. Questo avviene a causa dell’invecchiamento del cervello che o per l’età che avanza o per diverse patologie, anche gravi, possono intaccare il normale funzionamento della mente. 

La mente è un centro di raccolta di tutti i dati che raccogliamo dall’esterno immagazzinandoli nella nostra memoria. Per cercare di allenare al meglio il nostro cervello è utile munirsi di alcuni trucchi ed escamotage capaci di aiutarci ad allenare la memoria per aumentare la capacità di memorizzazione contrastando l’invecchiamento della mente. Scopriamo insieme tutti i vari trucchi da fare dopo gli “anta” per avere una memoria di ferro.

La memoria: è necessario allenarla con appositi trucchi per tenerla in forma, sopratutto dopo gli  “anta”

la memoria
Come avere la memoria di ferro anche per gli “anta” (Freepik)

Prima di scoprire tutti i trucchi da fare per allenare la memoria è utile anche avere delle abitudini sane per garantire al proprio cervello di funzionare al meglio. Prima fra tutti un corretto riposo. Dormire bene garantisce al cervello di ricaricarsi e di affrontare al meglio i compiti da svolgere. Altro aspetto molto importante è riordinare i propri oggetti evitando di stare nel caos, questo permette alla memoria di organizzarsi in modo efficiente. L’alimentazione è molto importante per contrastare l’invecchiamento dei radicali liberi, quindi via a frutta e verdure con grandi poteri antiossidanti. Ovviamente, non è da sottovalutare le cattive abitudini come cibi ricchi di grassi, alcool e fumo, devono essere eliminati per impedire alle cellule di invecchiarsi in modo precoce.

Fra gli esercizi più utili per allenare la memoria è scrivere appunti. Un escamotage perfetto per tenere a mente le cose importanti. Disegnare e scrivere con la mano non dominante aiuta il cervello a stimolare sia la creatività che la sinapsi. Chiudere gli occhi quando vogliamo osservare qualcosa di nuovo, per stimolare anche gli altri sensi. Cercare di osservare un oggetto o di assaggiare un cibo senza l’ausilio della vista, per memorizzarne nuove caratteristiche. Anche svolgere attività con quotidiani in cui ci si può dilettare fra cruciverba, rebus e sudoku. Questo ci permette di concentrarci e di fare affidamento sulla memoria a lungo termine.

In conclusione per avere la memoria di ferro anche dopo gli “anta” è necessario riorganizzare la mente con appositi supporti quali appunti, liberare la creatività tramite attività di disegno e pittura, cimentarsi nell’utilizzo di indovinelli o cruciverba per stimolare la memoria oltre che ad uno stile vita sano per impedire l’invecchiamento del cervello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.