L’amore si divide in 5 fasi, ma quasi nessuno supera la terza – parla la psicologa

L’amore si divide in cinque fasi. Molte coppie non superano la terza. Scopriamo se anche la vostra è in un momento cruciale.

amore
(Freepik)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Ogni persona, nel corso della propria esistenza, si sofferma su quanto vorrebbe trovare l’amore della vita. Il partner ideale, su cui poter instaurare un rapporto di fiducia, rispetto e consolidare la coppia. In alcune situazioni, però, molte persone non sono inclini alla stabilità e spesso ricercano le attenzioni altrove, una volta che la relazione diventa seria. Ciò avviene perché, le persone non sono abituate ad essere stabili.

L’amore è un insieme di sentimenti dinamici, al contrario di quanto spesso si possa pensare. Con il crescere e il passare del tempo, la coppia muta a seconda delle esperienze sia delle persone che della storia amorosa. Secondo, l’esperta, l’amore attraversa 5 fasi, ma le coppie si fermerebbero fino alla terza. E quindi, spesso, le relazioni sono destinate a finire.

Ecco di seguito, le fasi dell’amore.

L’amore: le cinque fasi che attraversano la coppia

amore
(Freepik)

Le cinque fasi dell’amore sono le seguenti, di cui spesso le coppie si fermano alla terza per paura dell’abbandono o perché non riescono a crescere insieme alla stabilità di coppia. La prima fra tutti è l’innamoramento. Questa fase è caratterizzata dagli ormoni dell’amore, che ci donano un senso di benessere oltre che avvertire una grande attrazione verso il partner. L’unico obbiettivo di questa fase, è quello di passare quanto più tempo è possibile con l’altro in modo da aumentare la produzione di ormoni.

Il secondo step è il diventare una relazione seria. In questa fase siamo assaliti dal senso di protezione verso l’altro, per essere certi del loro benessere. Molti confondono questa fase come la vetta dell’amore, non rendendosi conto di ciò che avverrà dopo. La terza fase è il momento cruciale di ogni coppia. In quel momento, siamo alla costante ricerca di attenzioni che non arrivano. Tanti atteggiamenti o lati caratteriali dell’altro non li riusciamo più ad accettare e quindi siamo all’inizio della fine. La disillusione porta la coppia anche se ad esistere insieme a non essere unita davvero. Può portare ad un insieme di sentimenti contrastanti e negativi da cui sarà difficile uscirne se non si riesce ad elaborare al meglio questo step.

Per superare al meglio questo momento, è necessaria la comprensione e il rispetto l’uno dell’altro in modo da superare al meglio questa temibile fase. Dopo aver superato i momenti difficili della coppia, nella quarta fase si può parlare di coppia stabile. In questo step, il quarto, siamo riusciti ad accettare i pregi e i difetti dell’altro. Ciò ci permette di essere sereni, fiduciosi nel partner e si può, seriamente, pensare ad un futuro insieme.

L’ultima fase è quella del cambiamento. La coppia diventa stabile, tuttavia le persone continuano ad evolversi e questo condiziona tutta la coppia. Entra in gioco l’accettazione dell’altro oltre alla consapevolezza che bisogna scendere a compromessi per il bene della coppia. Il rispetto e l’apprezzamento dell’altro, diventano i punti cruciali su cui si basa la relazione d’ora in poi.

Tantissime coppie, si fermano alla terza fase portando avanti relazioni d’amore, che ci possono rendere insoddisfatti, non capendo che quella relazione è stata scelta da noi e non imposta da qualcuno. Sarebbe necessaria un’analisi di coppia per capire se davvero è destinata a finire o a evolversi negli step successivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.