Ariana DeBose: la prima attrice nera queer a vincere un Oscar

Ariana DeBose è la prima donna afro-latina e apertamente queer a vincere un Oscar come attrice non protagonista. Il suo discorso e la commozione che trapelava, ad ogni minima parola pronunciata su quel maestoso palco, hanno lasciato (in tutti noi spettatori) un velo di dolcezza e ammirazione verso questa donna magnetica e straordinaria.

Ariana DeBose Oscar attrice queer
(Instagram)

Le donne non smettono mai di stupire, hanno una forza che le spinge sempre più avanti, sconfiggendo/ fronteggiando ogni intemperia che la vita (non di rado, ahimè) concede. Eppure quando superano le avversità, quando trionfano, quando progrediscono nella carriera o in qualsivoglia attività, si sentono bene. Orgogliose di loro stesse. Ebbene questo è anche il caso della bellissima Ariana DeBose, la prima donna afro latina a vincere un premio Oscar, come miglior attrice non protagonista, apertamente queer. Queer è un termine generico, utilizzato per indicare coloro che non sono eterosessuali e/o non sono cisgender.

La prima attrice apertamente queer afro latina a raggiungere un traguardo cosi importante

Ariana DeBose attrice queer Oscar
(Instagram)

DeBose è la prima attrice nera queer a vincere l’Oscar. Nel remake di Spielberg interpreta Anita, ovvero lo stesso personaggio che, sessant’anni, aveva fatto guadagnare a Rita Moreno un altro Oscar.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> La Notte degli Oscar, il look più macabro: mano al collo e borsa di capelli veri

Ecco il discorso di Ariana, successivamente alla consegna del meritatissimo premio: «Adesso avete capito perché Anita dice “voglio vivere in America? perché anche in questo mondo folle si possono realizzare i sogni. Se dovessi ringraziare tutte le persone che mi hanno portato qui staremmo insieme fino ai prossimi Oscar. È il massimo della vita, e un grazie lo devo a Rita Moreno che è stata fantastica. Sono così grata, la tua Anita ha aperto la strada a tonnellate di Anite come me, e ti amo. Grazie a mia mamma, che è qui con me stasera». Successivamente l’attrice ha immaginato di rivolgersi alla bambina che era anni fa, ed ha esordito con queste parole:” immagina questa bambina seduta sul sedile posteriore di una Ford Focus, guardala negli occhi. E ora guarda questa ragazza nera, queer, afroamericana, che ha trovato il coraggio attraverso l’arte e ora è qui che festeggia. Per chi ha mai messo in dubbio la vostra identità vi ricordo che c’è un posto per noi, c’è un posto per tutti».

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Mina, un’icona di stile anche a 82 anni: i suoi look sono sempre attuali…

E allora ancora tanti complimenti bellissima e strabiliante Ariana, ti auguriamo che questo posso essere solo il trampolino di lancio di una splendida carriera tutta in ascesa. Perché le persone umili, belle e portatrici di messaggi importanti (quali il tuo), hanno bisogno di sempre maggior visibilità, affinché essere se stessi non sia più qualcosa di cui vergognarsi ma, al contrario, da stimare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.