Tonno in scatola, finalmente svelata la verità: sconcertanti effetti sulla salute

Il tonno in scatola è un alimento estremamente utilizzato, soprattutto in estate. Finalmente svelata la verità: gli sconcertanti effetti che esercita sulla salute

Tonno in scatola
Tonno (Pixabay)

Gli articoli più letti di oggi:

Tra gli alimenti più rappresentativi della stagione estiva, il tonno è forse quello forse più amato, soprattutto nella variante di conservazione in scatola. Questo dato si evidenzia per molteplici aspetti positivi di tale scelta alimentare, che coinvolge ogni tipologia di consumatore, per un target estremamente ampio e fidelizzato.

Ideale sia per famiglie che per single, da utilizzare come condimento per primi piatti o assimilabile anche in formula di pietanza principale, rientra senza ombra di dubbio tra le variabili più apprezzate e diffuse. Una dato ancora maggiormente riscontrabile in occasione delle temperature elevate che contraddistinguono la stagione calda, sempre più in aumento, con le correlate esigenze sul piano dell’alimentazione.

La velocità di preparazione che alle giornate più impegnative, ma anche al caratteristico gusto fresco, perfetto da abbinare a piatti freddi, come insalate di riso e verdure: il tonno in scatola è tra gli ingredienti più inseriti nei nostri pasti. Finalmente è stata svelata la verità riguardante i metodi di conservazione di questo amato prodotto ed i suoi effetti sull’organismo, per una realtà davvero sorprendente.

Tonno in scatola: svelata la verità

Tonno in scatola
Tonno (Pixabay)

Tra gli alimenti più diffusi nella stagione estiva, il pesce rappresenta uno dei cibi più apprezzati, grazie al suo gusto fresco e delicato, spesso associabile proprio a tali temperature. Un’ottima alternativa al prodotto fresco, che risulta economicamente più accessibile e veloce da inserire nei propri pasti, il tonno in scatola è forse la fonte dei relativi nutrimenti più gettonata.

Proteico e concentrato di preziosi acidi grassi, come omega-3, è un alimento ipocalorico, nonostante il suo apporto energetico, poichè vanta la presenza dei grassi cosiddetti “buoni”, utili al buon funzionamento dell’organismo e del metabolismo. Per queste ragioni è frequentemente inserito anche nelle diete dimagranti o regimi alimentari diretti ai soggetti più sportivi, in quanto perfetto per soddisfare ogni esigenza.

Ma una domanda spesso sorge spontanea: il tonno in scatola, per quanto possa presentare benefici, è un alimento sano? I metodi di conservazione relativi ai cibi acquistabili in scatola insinuano spesso il dubbio sulle effettive conseguenze esercitate sulla salute, ma finalmente gli esperti si esprimono in merito. Il tonno in scatola non rappresenterebbe un rischio per entro le dosi di assunzione consigliate (due alla settimana), anche se sarebbe preferibile la scelta del tonno in vetro.

Il motivo risiede principalmente nella visibilità del contenuto, che non può sortire “sorprese”, nell’immediata possibilità di verificare il colore del pesce. In secondo luogo, il barattolo in vetro, decisamente più spazioso, richiede un metodo di conservazione meno compromissorio per quanto riguarda il prodotto, di cui rimangono più intatte le proprietà organolettiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.