Stanchezza cronica? Attenzione: la causa potrebbe essere questa ed è grave

Se ti senti spesso stanca non sottovalutare il problema e accertati che non dipenda da questa condizione.

stanchezza spesso condizione dipendere
(Pixabay)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

In determinati periodi può capitare a tutti di essere un po’ stanchi, sentirsi affaticati e a volte è normale e solitamente basta una bella dormita per ricaricarsi, soprattutto in momenti stressanti e, se magari si vive una vita frenetica, e caotica, sentirsi spossati è una condizione che può verificarsi spesso. Ci sono molti fattori che ci fanno provare stanchezza come ad esempio un sonno irregolare, cattive abitudini, cattiva alimentazione, un sovraccarico calorico, può farci sentire pesanti e stanchi rallentando le attività quotidiane, l’assunzione di alcol, eccesso di zuccheri, fattori ambientali come cambi di stagione e temperature alte.

Scopri quando essere stanchi diventa un problema, non sottovalutare la situazione

stanchezza spesso condizione dipendere
(Pixabay)

La sindrome da stanchezza cronica si contraddistingue per un senso di fatica persistente e privo di motivi apparenti, chi ne è colpito non presenta alcuna patologia e non trae alcun beneficio dal riposo, le cause di questa condizione sono tuttora sconosciute. Gli esperti tuttavia hanno formulato varie ipotesi che non hanno ancora trovato riscontro, solitamente i pazienti in questione oltre a sentirsi spesso stanchi avvertono anche dei sintomi influenzali, è un disturbo molto complesso. Tra le varie cause, sono state ipotizzate, infezioni di tipo virale, difetti del sistema immunitario, alcuni soggetti che ne erano stati colpiti avevano un sistema immunitario inadeguato, sbilanciamenti ormonali alcuni pazienti che presentavano il disturbo presente avevano di valori ormonali anomali, problemi di natura psicologica come periodi di stress e forti traumi emotivi possono portare alla comparsa della malattia.

Trai fattori di rischio più comuni vi è tendenza allo stress, il sesso femminile, un’età compresa tra i 40 e 50 anni.Questa sindrome si contraddistingue per una sensazione di fatica persistente, sintomi influenzali, deficit della memoria e della concentrazione, dolori muscolari, mal di gola, linfonodi ingrossati sul collo e sulle ascelle, mal di testa dolori alle articolazioni, insonnia e sonno di scarsa qualità, stanchezza intensa e prolungata. I pazienti affetti da questo disturbo si sentono letteralmente sfiniti, e questa sensazione non è alleviabile in nessun modo, e con alcun tipo di riposo, peggiora drasticamente dopo l’attività fisica o dopo un’attività mentale che richieda parecchia concentrazione.

Quando la stanchezza diventa incontrollabile, le persone che ne sono affette si sentono completamente prive di forze e non riescono a svolgere nessun attività quotidiana, provano difficoltà addirittura a muoversi e ad alzarsi dal letto, diventa impossibile lasciare la propria abitazione, tutto ciò può essere accompagnato da un forte senso di depressione, non esiste attualmente un test diagnostico per verificare se si abbia questa condizione, attualmente inoltre non esiste neppure una cura specifica che permetta di guarire da questa sindrome, sono tuttavia disponibili dei rimedi strategici e delle terapie finalizzate all’attenuazione dei sintomi, solitamente i pazienti vengono trattati con varie terapie come ad esempio:

  • La terapia cognitivo comportamentale per insegnare al paziente a capire la malattia di cui soffre e riconoscerne i sintomi;
  • La terapia basata sull’esercizio graduale cercare di far fare una moderata attività fisica poco intensa per stimolare leggermente il sistema;
  • Trattamento con farmaci antidepressivi in quanto chi presenta questa condizione tende a soffrirne;
  • Trattamento con antidolorifici alcuni pazienti presentano forti dolori muscolari e articolari.

Tra i rimedi naturali è consigliato evitare bevande alcoliche ed anche il caffè, non eccedere con cibi zuccherini, evitare alimenti e bevande di cui si è intolleranti, mangiare leggero, rilassarsi durante la giornata, darsi degli orari per andare a letto e riposare, purtroppo raramente le persone che ne sono affette guariscono del tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.