Giorgio Armani, sfilata in silenzio e donazioni importanti: le cifre esatte…

Il noto stilista e imprenditore e l’intera casa di moda Giorgio Armani ha donato soldi e vestiti alle vittime della guerra in Ucraina.

In segno di solidarietà e vicinanza, Giorgio Armani ha deciso di realizzare una sfilata completamente in silenzio, durante la Milano Fashion Week, ovvero la celebre settimana della moda tenuta due volte all’anno a Milano, in Italia.

Giorgio Armani, la sfilata in silenzio
La nuova collezione di Giorgio Armani – Foto da Instagram @giorgioarmani

L’evento è stato indetto dalla Camera nazionale della moda italiana, ovvero un’organizzazione che disciplina, coordina e promuove lo sviluppo della moda italiana: si tratta di una della quattro settimane delle “Big Four“, cioè dei quattro eventi ritenuti particolarmente importanti in quanto svolti nelle capitali della moda.

Per esprimere solidarietà e conforto al popolo ucraino, Giorgio Armani ha deciso di realizzare una sfilata senza musica: il suo gesto di commozione è finito su tutti i giornali!

“Non dobbiamo fermarci, ma non è il caso di festeggiare” Sono state queste le parole pronunciate dal noto stilista, che non ignora affatto le continue tragedie che si susseguono nel mondo.

Giorgio Armani, le ingenti donazioni di vestiti e denaro…

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giorgio Armani (@giorgioarmani)

L’intera casa di moda ha dunque deciso di aiutare concretamente tutte le vittime di questa tragica guerra voluta dalla Russia: sono state effettuate, infatti, ingenti donazioni di capi di prima necessità.

I vestiti verranno distribuiti dalla Comunità di Sant’Egidio, che si trova nelle zone di confine con l’Ucraina.

Ad ogni dipendente è stata data l’opportunità di partecipare direttamente a quest’opera di bene, occupandosi delle spedizioni e della loro preparazione.

Il Gruppo Armani ha anche aderito all’iniziativa di solidarietà finalizzata alla raccolta fondi di UNHCR (Organizzazione delle Nazioni Unite per i Rifugiati), con lo scopo di proteggere e assistere i profughi: la donazione effettuata è stata di 500.000 euro.

E’ stato dunque piuttosto forte l’aiuto dato dalla casa di moda alle persone costrette a fuggire, a causa del conflitto in atto: un gesto di commozione che dà un esempio importante e si appella ai valori della fratellanza, del senso di collettività, dell’altruismo e dell’amore per il prossimo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.