17 agosto, notte dei gatti e delle streghe: cosa dice la leggenda

17 agosto, nelle ere i gatti sono sempre stati visti con un alone misterioso e magico. Di seguito ecco la leggenda che narra della notte dei gatti e delle streghe. 

17 agosto
17 agosto la notte del gatto e della strega leggenda (Freepik)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Durante le varie ere della storia, il gatto, è sempre stata una figura misteriosa avvolta da un’alone di magia. Sopratutto per la cultura egiziana, il gatto è un’animale venerato che scaccia via le presenze oscure e maligne. Tuttavia, questo può suscitare l’ira dei più radicati cristiani e tradizionalisti. Di seguito, vogliamo illustrarvi la leggenda che ricorre il 17 agosto della notte dei gatti e delle streghe. Essendo una storia esoterica va letta ovviamente, con leggerezza e curiosità.

17 agosto: la leggenda della notte del gatto e della strega

17 agosto
(Pexels)

La leggenda ha origini irlandesi. I gatti sono affini con le ore notturne e la loro longevità. Si narra, infatti, che le streghe siano state delle donne sole, senza marito, che amavano l’erboristeria. Per un’attimo però, volando con la fantasia, permettiamoci di credere che abbiano avuto davvero una sorta di poteri mistici che le permettessero di tramutarsi in felini, gatti in questo caso.

Per l’appunto, stando alla leggenda, le streghe avrebbero potuto trasformarsi per otto volte in gatto, e la nona ricadeva proprio il 17 agosto. Questo avrebbe dato luogo alla credenza, che i gatti avessero nove vite. Perché la leggenda fa ricadere questo giorno proprio il 17 agosto, non lo sappiamo precisamente.

E’ certo, però, che le serate di agosto iniziano ad allungarsi diventando sempre più buie per prepararsi all’incontro col periodo più freddo e oscuro dell’anno. Non a caso, agosto è il mese dedicato al gatto, coincidenze? Certo è, che il 17 viene assegnato al gatto nero, proprio per la sua origine sfortunata.

Che sia solo un caso oppure no? Le leggende esoteriche e mitologiche hanno fatto la storia delle nostre ere. E voi, conoscevate questa leggenda?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.